Nell’Abbazia di Pontida, in provincia di Bergamo, secondo la tradizione, il 7 aprile 1167, le città di Cremona, Brescia, Bergamo e Mantova strinsero un patto giurato di alleanza militare (il Giuramento di Pontida) per fronteggiare l’avanzata in Italia dell’imperatore Federico Barbarossa e costituirono la Lega Lombarda (che non ha niente a che fare con l’attuale partito politico).

Barbarossa, sconfitto nella battaglia di Legnano (1776) dovette abbandonare l’azione contro i Comuni e riconoscere la Lega nella Pace di Costanza (1183).

La storica abbazia di Pontida è situata a pochi chilometri da Lecco, sulla strada provinciale che porta a Bergamo. È anche nota come Monastero di San Giacomo perché costruita ampliando una preesistente chiesetta dedicata ai Santi Giacomo, Bassano e Nicola.

L’abbazia è stata fondata dal monaco benedettino Alberto da Prezzate (1025-1095), difensore e diffusore in Lombardia della riforma cluniacense.

L’abbazia fu in seguito devastata durante le lotte tra guelfi e ghibellini; alla fine del Quattrocento fu affidata ai monaci benedettini che si adoperarono per ricostruirla e ampliarla di nuovi locali, due chiostri e la sala capitolare.

Successivamente, durante il periodo napoleonico, gli ordini religiosi vennero soppressi e l’abbazia di Pontida decadde nuovamente, finché all’inizio del Novecento fu ancora una volta affidata ai monaci benedettini.

Ogni anno ha luogo la rievocazione storica del Giuramento di Pontida nell’omonima cittadina.