Maddalena penitente Caravaggio la realizzò tra il 1594 e il 1595. È considerato uno dei capolavori del primo periodo romano di Michelangelo Merisi, detto il Caravaggio (1571-1610).

Non si hanno certezze circa la committenza, anche se alcuni studiosi ipotizzano che il committente sia il cardinale Francesco Maria Bourbon del Monte. Attualmente è conservata presso la Galleria Doria Pamphilj, a Roma.

Dove si trova la Maddalena penitente di Caravaggio?

Per la Maddalena Caravaggio chi scelse come modella?

Come modella per la Maria Maddalena penitente Caravaggio scelse Anna Bianchini, detta “Annuccia”, una prostituta molto nota nella Roma di quei tempi.

La giovane donna, qui nel ruolo della peccatrice pentita del Vangelo, posò per Caravaggio pure per Riposo durante la fuga in Egitto (per la figura di Maria), anche questa collocata nella Galleria Doria Pamphilj, Marta e Maria Maddalena (per la figura di Marta) e per Morte della Vergine.

Caravaggio Maddalena penitente descrizione

Nella Maddalena Caravaggio sceglie di raffigurare la peccatrice pentita come una povera ragazza del popolo, con le braccia conserte e il capo reclinato, che piange abbandonata su una sedia: una lacrima infatti scende lungo la guancia al lato del naso.

Il quadro, realizzato con la tecnica dello specchio convesso, consente di vedere la figura della Maddalena dall’alto. Un cono di luce, simbolo della Grazia salvifica, la isola dallo sfondo buio (simbolo del peccato), conferendo all’immagine un senso di desolazione e solitudine.

Maddalena penitente Caravaggio particolare

Alla sua destra, il vasetto di unguento e i gioielli a terra simboleggiano il gesto di rifiuto della mondanità e delle ricchezze materiali necessario per potersi riconciliare con Dio.