Antonio Canova scolpisce Paolina Borghese Bonaparte come Venere vincitrice, tra il 1805 e il 1808. La scultura in marmo è esposta alla Galleria Borghese di Roma.

Dove si trova la scultura di Paolina Bonaparte di Canova?

Chi è il committente dell’opera? E chi è Paolina Bonaparte?

A commissionare la scultura ad Antonio Canova è il principe romano Camillo Borghese, il marito di Paolina Bonaparte.

Paolina Bonaparte è una sorella di Napoleone Bonaparte, proclamatosi nel 1804 Imperatore dei francesi. Canova è il ritrattista ufficiale di Napoleone.

Che significa che Paolina Borghese Canova l’ha scolpita come Venere vincitrice?

Significa che Canova rappresentò Paolina come Venere vincitrice del giudizio di Paride nei confronti delle dee rivali Giunone e Minerva.

Secondo il noto episodio della mitologia greca, alla dea Venere, dea dell’amore, il principe troiano Paride aveva infatti assegnato il pomo della discordia, giudicandola la più bella tra le dee.

Paolina Borghese Bonaparte come Venere vincitrice analisi

Paolina Bonaparte Canova l’ha scolpita a seno scoperto, semisdraiata su una dormeuse (=divano letto) decorata da inserti dorati; la parte inferiore del corpo di Paolina è invece avvolta da un drappeggio, che lascia intuire le forme del corpo.

La mano destra è appoggiata su due cuscini, mentre con la sinistra tiene il fatidico pomo (= mela) della discordia.

In alcune parti, il marmo è lavorato in modo da farlo apparire come fosse carne, in altre è lucido, luminoso. Sulle parti nude del corpo, Canova stese uno strato di cera affinché risultassero appena rosate.

La figura della donna è perfetta e la posa estremamente elegante. La leggera torsione del busto toglie l’impressione di rigidità, trasmettendo piuttosto una sensazione di morbidezza.

Sicuramente Paolina per quanto fosse bella non era perfetta come in questa statua, dove lo scultore ha idealizzato la sua figura. Tuttavia, il viso sereno ma non inespressivo rivela un tratto della personalità della donna, indipendente e sicura di sé.

Per informazioni su visite, mostre, orari e biglietti della Galleria Borghese di Roma andate sul sito ufficiale.