La Basilica di Santo Stefano Rotondo è situata sul Colle Celio, a Roma. È una chiesa paleocristiana dedicata al diacono e primo martire Santo Stefano.

La chiesa Santo Stefano Rotondo al Celio venne eretta su un mitreo, luogo dedicato al culto del dio Mitra, risalente alla fine del II secolo d.C.

L’architettura richiama quella della Basilica del Santo Sepolcro di Gerusalemme.

Santo Stefano Rotondo, Roma, internoProprio per la forma originale e particolare della chiesa, si crede che in origine fosse il tempio di Faunus, una divinità pagana, o dell’imperatore Claudio. Poi, agli albori della cristianità venne dedicata al primo martire Santo Stefano, così come accadde per il Pantheon, anch’esso rotondo, trasformato in chiesa cristiana.

Pianta e prospetto

La pianta è costituita dall’incrocio tra due spazi: uno circolare, con deambulatorio, e uno a croce.

Il deambulatorio è separato dal vano centrale da una perìstasi di colonne ioniche architravate.

Originariamente la chiesa presentava tre colonnati circolari concentrici. Quello centrale è formato da 22 colonne architravate, che reggono l’alto tamburo.

Concentrici al primo colonnato, correvano due ambulacri a forma di anello; in quello esterno, colonnati radiali formavano una croce greca creando quattro ambienti separati.

Nella Chiesa di Santo Stefano Rotondo è possibile prenotare: celebrazioni liturgiche, matrimoni, concerti, visite.

Non si celebrano invece cerimonie funebri e battesimi.

Per prenotazioni e informazioni visitate il sito https://www.cgu.it/it/santo-stefano-rotondo/